La leggenda dello spot e i duchi di Marlborough

La leggenda dello spot e i duchi di Marlborough

Di Giulia Bigozzi

sarah churchill

Sarah Churchill ritratta in compagnia di un cane

Una delle protagoniste di un film uscito recentemente, La favorita, è la duchessa di Marlborough Sarah Churchill; durante il film viene fatto anche un accenno alla residenza della duchessa: il palazzo di blenheim. Il nome del palazzo vi dovrebbe dare un indizio sul collegamento che sto che fare.

 

 

I duchi di Marlborough  John e Sarah sono stati probabilmente tra i primi ad allevare Toy spaniel, gli antenati dei nostri Cavalier, nel il diciottesimo secolo, durante il regno degli Stuart e in particolare durante il regno della Regina Anna.

Queen Anne toy spaniel

La regina Anna con un toy spaniel

 

 

 

 

Marlborough

I duchi di Marlborough con figli e toy spaniel

Sembra che i primi esemplari bianco-arancio furono presi dal duca per scopi venatori con eccellenti risultati.

Egli denominò la colorazione ‘blenheim’ in onore alla omonimo palazzo dove risiedeva (ancora oggi lo si può visitare); per questo motivo le due razze discendenti dal toy spaniel, Cavalier e King Charles Spaniel, possono avere una colorazione (bianco-arancio) denominata blenheim.

Ciò che più è curiosa è la leggenda che lega i toy spaniel ai duchi di Marlorough.

Sembra infatti che proprio durante la battaglia di blenheim a cui stava prendendo parte il duca, la duchessa fosse così tesa in attesa di notizie da premere forte sulla testa di una cagnetta gravida che teneva in grembo. La cagnetta diede alla luce cuccioli con la caratteristica ‘impronta’ al centro della testa, lo spot.

cavalier spot

Cavalier con spot sulla testa (foto dal web)

Non tutti i Cavalier lo possiedono, ma è interessante vedere in che modo questa caratteristica sia collegata strettamente alla storia dei duchi di Marlborough.

blenheim palace

Il palazzo di blenheim (foto dal web)

Il palazzo di blenheim, che si trova in Oxfordshire , fa parte dei patrimoni mondiali dell’UNESCO. E’ una location che nel tempo è stata anche utilizzata per le esposizioni organizzate dal club di razza del Regno Unito, riportando così i Cavalier in uno dei loro luoghi d’origine.

 

I Cavalier da sempre sono legati alla famiglia reale e alla nobilità inglese: sappiamo che già negli anni precedenti altri regnanti (e sempre in particolare gli Stuart) avevano allevato e apprezzato i King Charles e forse è solo grazie ai duchi di Marlborough che i toy spaniel vennero allevati anche in un periodo di scarso interesse nei loro confronti permettendogli di sopravvivere per poi tornare in auge durante il regno di Vittoria, anch’essa amante dei toy spaniel, ormai sulla via di essere veri e propri Cavalier, e proprietaria del famoso Cavalier tricolore Dash.

About Giulia

Ho conosciuto il Cavalier King Charles Spaniel quando avevo 10 anni e da allora la mia passione per questi cani è cresciuta esponenzialmente. Frequento l'ambiente cinofilo da quando ero adolescente e oggi studio medicina veterinaria.

Un commento

  1. Pingback:Cavalier King Italia | La storia del Cavalier King Charles Spaniel

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *