Consigli sull’uso degli antiparassitari

https://amicaveterinaria.com/antiparassitari-cane-gatto/

La tabella qui riportata è stata creata da Amica Veterinaria e riporta molti prodotti ad oggi in commercio per una corretta profilassi antiparassitaria.
Come prima indicazione, come sempre, è quella di confrontarsi col proprio veterinario: lui conosce il vostro cane e soprattutto la condizione ambientale in cui vivete.

Esistono zone più sottoposte a determinati parassiti ed è importante ricordare che non tutte le aree sono uguali e quindi l’attenzione sottoposta a certi parassiti è variabile. Inoltre il veterinario valuterà altri fattori come l’età del cane, la razza di appartenenza (alcune razze ad esempio hanno reazioni avverse anche grave rispetto a certi principi attivi).

Ci può essere una reazione avversa all’uso dell’antiparassitario?

La risposta è che ogni soggetto è a sé e la prima volta che si una un nuovo prodotto io consiglio di porre molta attenzione ad eventuali reazioni.
Il cane va trattato tutto l’anno? Anche questa è una domanda la cui risposta è molto soggettiva, infatti molto dipende dallo stile di vita del cane e dal clima in cui vivete (è mite? Ci sono inverni freddi? Il cane sta spesso fuori? O vive in appartamento? Frequenta posti con altri cani?).

Accade di dover cambiare antiparassitario?

Sì, può accadere. A volte i parassiti si ‘adattano’ e diventano resistenti all’antiparassitario usato, per questo alle volte è necessario cambiare.

In generale, grazie alle indicazioni di Amica Veterinaria posso ricordarvi che: è necessario usare un prodotto repellente e uno parassiticida. Perché questa associazione? E’ semplice, alcuni prodotti sono repellenti (es. Advantix), altri sono parassiticidi (es.Nexgard spectra). Quindi questo vuol dire che un repellente tiene lontano il parassita, il parassiticido lo uccide.

Che tipo di antiparassitari esistono?


• Per bocca
• Spot-ON (per questi vi ricordo che il prodotto va applicato sulla cute e non sul mantello!)
• Collari

Quando mettere l’antiparassitario?

Se si tratta di un prodotto spot-on è consigliabile attendere 5-6 giorni dopo o prima del bagno: prima perché se facessimo immediatamente il bagno rischieremmo di portare via il prodotto e dopo perché è necessario aspettare che dopo il bagno ‘sgrassante’ nei confronti del sebo protettivo esso si riformi, non rispettando questa tempistica si rischia di danneggiare la cute

Posso usare lo stesso antiparassitario per il gatto?

Assolutamente NO, anzi, sarebbe meglio tenere cane e gatto separati per un po’ per via della presenza di una sostanza, la permetrina, che può portare il gatto alla morte.

Un coadiuvante può essere inoltre l’utilizzo del neem: si tratta di un albero ricco di proprietà, tra cui, come dimostrato in letteratura, quella antiparassitaria, infatti tiene lontani insetti di vario tipo. Se abitate in zone particolarmente endemiche potete associarlo al vostro trattamento base.

Queste indicazioni solo per lo più utili per i cani in buona salute e sempre sottoposti al consiglio del proprio medico di fiducia, inoltre è necessario applicare i singoli prodotti utilizzando il foglietto illustrativo.

About Giulia

Ho conosciuto il Cavalier King Charles Spaniel quando ero una bimba, da allora la mia passione per questi cani è cresciuta esponenzialmente. Frequento l'ambiente cinofilo da quando ero adolescente, oggi sono zoonomo e studio medicina veterinaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *