La leggenda dell’acqua e dell’aceto

La leggenda dell’acqua e dell’aceto

I cani non si lavano con l’aceto!

di Giulia Bigozzi

E’ una credenza popolare, ed oggi molto in voga tra i meno esperti su facebook, consigliare di lavare il cane con acqua e aceto, ma questa pratica è assolutamente inadatta!

Il PH del cane è di 7, è quindi neutro, mentre l’aceto è ovviamente acido (ph=2) e i due sono tra loro incompatibili!

I peli sono ricoperti da una protezione su base lipidica (il sebo per semplificare) che può sporcarsi e viene pulita solo utilizzando un agente tensioattivo (shampoo ad esempio) lasciando così spazio a un nuovo elemento di protezione. Non essendo un tensioattivo l’aceto sposta il film lipidico già ossidato senza eliminarlo totalmente, impedendo la formazione del nuovo sebo e così il cane è ancora più sporco in realtà.

cavalier king bagno Non è vero, come dice sempre la credenza, che lavare il cane meno possibile gli permette di mantenere la sua normale protezione! Dopo il bagno in soli due giorni il cane è in grado di ricostituire il proprio sebo, ma utilizzare prodotti aggressivi come l’aceto (o prodotti a destinazione umana, dato che abbiamo un ph diverso) comporta un attacco al derma che può sfociare in dermatiti e prurito a lungo andare.

Cosa fa l’aceto quindi tanto da essere così famoso ? Può inizialmente coprire il cattivo odore, che in realtà è dato dal pelo sporco! Quindi la soluzione non è l’aceto, ma un bagno!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Vuoi essere sempre aggiornato?

  • Ti chiedo di non utilizzare o rielaborare il materiale pubblicato in questa sede senza consenso. "tutte le opere dell’ingegno di carattere creativo che appartengono alle scienze, alla letteratura, alla musica, alle arti figurative, all’architettura, al teatro e alla cinematografia, qualunque ne sia il modo o l’espressione”.

    «Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001»