Piometra

Scritto da GiuliaBigozzi

La piometra nel CavalierLa piometra è una problematica molto grave a evoluzione assai rapida che può colpire cani di tutte le taglie e età. Può colpire femmine che non hanno partorito ma anche femmine che hanno avuto una gravidanza.

La piometra è una infezione batterica dell’utero che generalmente si manifesta dopo il calore: l’organismo della cagna ha prodotto un ormone, il progesterone, che ha preparato l’utero alla gravidanza, anche in caso di mancato accoppiamento. Siamo quindi nel periodo dopo il calore.

Il progesterone ha inspessito la parete dell’utero e aumentato il numero delle ghiandole per preparare la cagnolina alla gravidanza; le ghiandolo sono l’ambiente ideale per lo sviluppo fetale, ma anche per la crescita dei batteri (tipicamente E. Coli)

Abbiamo due possibili tipologie di piometra in relazione alle condizioni della cervice (la struttura che separa l’utero dalla vagina)

  • A cervice uterina aperta: il pus prodotto nell’utero esce attraversando la vagina, le cagne avranno uno scolo vaginale con pus e sangue.
  • A cervice uterina chiusa: il pus non può uscire e si accumula nell’utero portandolo alla dilatazione. Non abbiamo sintomi visibili.

Possibili cause: somministrazione ormoni artificiali (per prevenire una gravidanza post accoppiamento indesiderato ad esempio); può insorgere anche ‘naturalmente’.

Prevenzione: sterilizzazione chirurgica

Altri sintomi: inappetenza, letargia, sete e urinazione eccessive.

Diagnosi: esame sanguigno, striscio vaginale, ecografia.

E’ una malattia molto grave, porta sicuramente alla morte se non viene trattata per via delle tossine rilasciate nel sangue da parte dei batteri.

Alcuni veterinari, specializzati in ambito riproduttivo, possono utilizzare alcuni ormoni come trattamento per salvare femmine di alto valore riproduttivo, ma questo è un metodo ad alto costo e non senza rischi, per questo è necessario rivolgersi a un professionista.

In foto Happy

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *